monthlymusic.it

Speedy Ortiz – Major Arcana

Data di Uscita: 09/07/2013

Un breve ascolto, durante la lettura

“So I got ditch freezing, alone with my thoughts…”

Crederci, è questo ciò che le riusciva difficile.

Appena fuori da quel momento della vita in cui si è nel flusso di estreme emozioni che bloccano il respiro e lasciano vivere le lacrime di giorno e di notte.

Eleanor ripensava a tutto ciò che aveva vissuto sino a quel momento,

a quanto le risultasse difficile credere nella giustizia delle sue esperienze.

“The weight of my primal, the fear of my cold head…”

Le piaceva paragonarsi ad un quadro impressionista, invaso da colori differenti tra loro, i quali tramite una mimesi perfetta congiungevano alla fugacità di un’impressione, metafora del suo essere nel presente.

Un’impressione ora definita, ma incerta nel futuro…

Ora quell’incertezza porta con se nuove sfumature, tempo e spazio del suo passato tornano a bruciare, lasciando ad Eleanor la parte migliore, il senso più profondo che vive nel presente.

“You didn’t know me when you were a kid…”

Kurt le ha travolto la vita, donandole uno dei regali più preziosi che potesse ricevere.

Una sensazione fortissima, la condivisione di uno stesso passato, vissuto a pieno, sofferto e superato…

Paradossali distanze fisiche unite dalla forza di medesimi sentimenti, cresciuti con forza nei momenti più difficili della vita, esattamente come quelle piante ben radicate nei luoghi in cui la vita è solo sinonimo di impossibilità d’essere.

“They always said I was better off as being dead

but I didn’t know you yet…”

Il tempo o la distanza nel vivere quei colori non contava, come se la solitudine, che aveva reso Eleanor schiava dei suoi stessi pensieri, non fosse mai esistita.

“I didn’t know you when you were a kid

But swimming with you, it sure feels like I did…”

Francesca e Valeria Annichiarico

Comments are closed.