monthlymusic.it

Bibio – Mind Bokeh

Data di Uscita: 04/04/2011

Un breve ascolto, durante la lettura

Feminine eye
di Marco Caprani

“There are only a few images that are not forced to provide meaning,
or have to go through the filter of a specific idea”

Jean Baudrillard

- an external interruption -
“E se ti chiedessi di descrivere cosa vedi?”

Io non vedo un cazzo.
No. Io non vedo un cazzo… mi dispiace.
Ma cosa devo vedere? Le guerre? Le stelle? Gli uomini?…
È una fottutissima palla di specchi quella che sto guardando?… Non riesco a capire.

- an external interruption -
“Rifletti.”

Mi dispiace, c’è confusione nella mia mente. Non riesco…

There is a moment of darkness…

Non sono avida d’immaginazione, forse è questo il mio problema… da piccola guardavo sempre la tv.
Sono sempre stata molto passiva agli stimoli, eppure vissi tra i ’70 e gli ’80 in piena perturbazione artistica… Qualche sensazione di quegli anni è rimasta, eppure non vedo un cazzo. Ma cosa sto guardando?

- an external interruption -
“E se ti chiedessi di descrivere com’è questa musica?”
Quale musica?
“Ascolta meglio…”

- a fragment of time which is not recorded -
Tutto sfuma, il confine non è chiaro: è il colore che diventa musica…
Non saprei come spiegartela… ma posso dirti che oggi ho visto il mare di Saint Christopher, è un luogo bellissimo: c’è questa baia dove la sabbia è polvere di madreperla e di zanne di tigre… sembra di essere distesi sopra il fumo di un narghilè e l’acqua del mare segue i movimenti dei tuoi pensieri… dicono di non farla arrabbiare… io son sempre calma ma quando guardo quel mare la sensazione che provo è una strana eccitazione interiore, una specie di euforia dei sensi… è quasi dentro di me…

- an external interruption -
“Dove finisce quel mare?
…Riesci a vedere dietro i tuoi occhi? Che cosa c’è dietro gli occhi?”

A bokeh effect in my mind.
I’m moving my body in trance now, I’m still electrified by the vision:
Colors changing movement, movement changing colors.
A fragment of time which is not recorded.
A momentary lapse of reason.
A girl is seeing the future in a disco ball.
The sea is calling.
I’m flowing down along the stream of consciousness:

Now I end where you begin.

Now I end where you begin.

Now I end where you begin.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.