monthlymusic.it

Gold Panda – Lucky Shiner

Data di Uscita: 12/10/2010

Un breve ascolto, durante la lettura

Same dream China
di Gianfranco Costantiello

Un’ultima pillola. Dormire in questa stanza vuota mi spaventa. L’alba. Eccola là in fondo alla strada. Sono stanco della Cina vorrei tanto andarmene. Le 7 e devo scendere di sotto nella hall. I corridoi sono vuoti e sento presenze maligne aggirarsi. L’ascensore mi porta di sotto. Si aprono le porte. Cigolano, sciolgono il mio cervello che schizza dalle orecchie. Forse è solo cerume. Un taxi m’attende proprio dinanzi all’ingresso di questo albergo. La portiera posteriore è spalancata, una mano si agita all’interno del veicolo. Entro e lunghe braccia profumate mi si gettano al collo. Seguono baci e carezze. Carezze e baci. La donna dice al taxista di portarci all’aeroporto. Si rigetta tra le mie braccia. È contenta di vedermi, io anche ma un po’ meno per la verità. Saranno i postumi della sbronza della scorsa notte in quel tugurio di locale di Mayuri. Lei seguita a parlarmi degli ultimi giorni. Aggiunge che avrebbe una voglia matta di proseguire la vacanza in India. Poi urla – tu! – puntando l’indice verso la mia faccia distratta. Appoggio la testa fuori dal finestrino. La lascio penzolare. Il vento tra i capelli mi fa sentire bambino. Sorrido trasportato dai ricordi. -Tu! – continua irritata. Mi tira per la camicia – m’ascolti o no?! – bercia. Annuisco ridendo isterico.  – stron-zo – biascica offesa e scompare lenta nella pelliccia. La neve per strada resta intatta. Brilla al sole. Sto assistendo ad un miracolo, penso tra me. Mai vista la neve d’estate. Siamo fuori dal traffico. Percorriamo una strada di campagna – più veloce, più veloce per favore – stride la donna balzata fuori dalla pelliccia. All’aeroporto scende dall’auto e paga il tassista. La seguo invitandola ad aspettarmi. Le resto dietro. La spio mentre compra il biglietto per l’India. Va verso il gate. La seguo, la strattono. Riprende qualche metro di vantaggio, ma in uno scatto le balzo d’avanti – amore aspetta! – grido stringendole le braccia. Il suo sguardo intenso trafigge il tempo che d’improvviso s’arresta – sto con te, ma mi sento sola! – sbraita divincolandosi. Piange e sparisce oltre il gate. Rimango di sasso. Alzo lo sguardo agli schermi. Individuo il prossimo volo per Londra. Sull’aereo alzo la tendina del finestrino. Sotto il mio culo solo irriverenti nuvole forgiate dal sole. Continuo a chiedermi chi sia quella donna che mi ha appena mollato. Maaa… ma non è questo ciò che m’importa. Ella m’amava e io l’ho ignorata. Serro gli occhi.

L’AFFERRO PER LA PELLICCIA, QUASI GLIELA SFILO DI DOSSO – AMORE TORNIAMO A CASA. LA VITA MI COMMUOVE – LE DICO. LEI SI FERMA E MI GUARDA – HAI RAGIONE, IO TI AMO – BISBIGLIA APPOGGIANDO LA TESTA SULLA MIA SPALLA.

Riapro gli occhi. La hostess mi agita una lattina davanti agli occhi. La afferro. Metallica e fredda risveglia la mia mano. Ne tracanno mezza. La osservo compiaciuto. Un panda d’oro, disegnato sopra, mi augura di trascorrere delle buone e lunghe vacanze. Avvicino la lattina alla bocca. Dischiudo le labbra. Tracanno l’altra metà.

2 Responses to “Gold Panda – Lucky Shiner”

  1. Bid-Ninja…

    […]below you’ll find the link to some sites that we think you should visit[…]…

  2. Quibids.com scrive:

    Bid-Ninja…

    […]we like to honor other sites on the web, even if they aren’t related to us, by linking to them. Below are some sites worth checking out[…]…

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.