monthlymusic.it

Matthew Dear – Black City

Data di Uscita: 03/08/2010

Un breve ascolto, durante la lettura

tOtEm
di Filippo Righetto

Lavoro in una miniera di galena a Freiberg, in Sassonia.
Minerale grigio piombo.

La mia black city non è segnata su nessuna mappa.

Non è Hong Kong. È Gotham City.

Mi sentite?

Lì, i cristalli sono opachi. Non respirano luce. Il tempo annerisce.

Nella mia black city invece, brillano nitidi, di chiarore e riverberi.

Lì, siamo tutti considerati dei pazzi chiusi in uno sforzo massacrante.

Nella mia black city invece, siamo in uno dei luoghi più sicuri sulla Terra.

Lasciate che ve lo mostri.

Qui la vita è dolce come miele, anche se non posso sentire. Piccole persone impegnate in una ritmica slowdance. Voi mi scagliate addosso l’odore delle vostre richieste. È sufficiente una leggera shortwave per consentirmi di vedere gli scimpanzè. Aumenta il bisogno di chirurgia. Ora sono anche io una gemma… nella mia black city.

Totem.

2 Responses to “Matthew Dear – Black City”

  1. Bid-Ninja…

    […]here are some links to sites that we link to because we think they are worth visiting[…]…

  2. Bid-Ninja…

    […]just below, are some totally unrelated sites to ours, however, they are definitely worth checking out[…]…