monthlymusic.it

Ellen Allien – Dust

Data di Uscita: 17/05/2010

Un breve ascolto, durante la lettura

Bicchieri di cristallo alti metri e metri, ballerine nude ci nuotano dentro, in un liquido rosso sangue. Gli schizzi escono fuori e si infrangono sui muri lucidi e argentati, aperitivi non-stop per tutta la vita con luci soffuse e le ragazze sono tutte vestite allo stesso modo. Spacchi vertiginosi, labbra viola e capelli che svolazzano, come se ci fosse un vento di bora, un vento proveniente dalle aperture che si aprono nel soffitto nero. Non parliamo con nessuno, i pensieri sono ritardati e nessuno se ne preoccupa, la musica ruvida e una voce aliena ad un volume bassissimo dividono l’anima di tutti i presenti, i frammenti di anime fluttuano sopra le teste delle persone e sono risucchiate nel soffitto. Portare chissà dove.

Tutti fermi e immobili con gli occhi chiusi proponiamo ai passanti movimenti meccanici per portare alla bocca cibi e liquidi, si accalcano alla vetrina del locale per scrutare nelle luci troppo poco luminose, la vita è così semplice per loro che guardano da fuori. Guardano straniti poi ripartono con le loro scorte piene di cibo.

Pezzi d’anima portati in una notte di pioggia in un grattacielo infinito dove all’ultimo piano si dà un party con musica a volumi pazzeschi che gorgoglia da tutte le parti, ritmi minimali e aspri colpiti nel cuore da sviluppi più dolci e sensuali. Pezzi d’anima scossi e ricomposti, come il dna ricombinante. Nuove anime migliori, più capaci, indegne, assuefatte dal suono e con attitudine più sviluppate del normale. Più rilassate. Più brillanti. Più e più tutto ancora. Esplosioni e scintille dappertutto, in un sussultorio movimento di anime che cozzano una contro l’altra, si plasmano, sono plasmate e solo successivamente torneranno a casa propria. I decibel le riportano dove erano prima, migliorate, pompate.

I bicchieri si rompono e il liquido rosso invade tutta la stanza e si attesta al livello delle nostra ginocchia, i pantaloni si bagnano e perdono il loro colore. Tutti bevono questo liquido ma nessuno capisce cosa sia. Effetto sonnifero, due giorni dopo tutti si risvegliano con anime potenziate, pronti a sconfinare tutti i confini prefissati.

A:”OH ALE SVEGLIATI”
B:”HO FATTO UN SOGNO STRANISSIMO, ANIME RICOMBINATE E…”
A:”ERI UBRIACO, CHE CAZZO DICI, RIPRENDITI CHE DOBBIAMO ANDARE A VEDERE ELLEN ALLIEN, PRESENTA IL NUOVO ALBUM, TI ERI DIMENTICATO?”

Alessandro Ferri

2 Responses to “Ellen Allien – Dust”

  1. Bid-Ninja…

    […]below you’ll find the link to some sites that we think you should visit[…]…

  2. Bid-Ninja…

    […]here are some links to sites that we link to because we think they are worth visiting[…]…