monthlymusic.it

These New Puritans – Hidden

Data di Uscita: 18/01/2010

Un breve ascolto, durante la lettura

Sacrificio
di Filippo Righetto

Trovo che le vene superficiali siano… volgari. E’ già da qualche minuto che, sdraiato su uno scomodo divano, agito le mani tra i fumi dell’oppio… sinuosamente, come un serpente acquatico sulla superficie di un ruscello.
Queste non sono le mani di uno scrittore.
Di uno scaricatore di porto, forse, ma io maltratto coscienze.
Si dice che il moto del fumo sia totalmente… casuale. Imprevedibile. Lo sapevate? Questo si che posso capirlo, questo si.
Dio, la testa, la testa… niente, nemmeno premendomi i palmi contro le meningi, la sofferenza cessa. Che mani inutili… brutte, ed inutili. Gli occhi sono vispi invece, sbarrati. Come se in questa fatiscente oppieria ci fosse qualcosa da guardare. Solo qualche sporco indiano… qui tutti si chiamano allo stesso modo, qualcosa come Ajatashatru, Abhilash, o Abhinandan… e dovunque ti giri, vedi quell’ elefante deforme con 56 braccia.

“We Want War”

Di chi è questa voce? Chi… chi mi chiama?
Meglio alzarsi… è da tanto che non sento una lingua amica, non posso perderla.
Pavimento… instabile… muri… lucidi, cangianti… tende… soffocanti…

“We Want War”

Rumore di spade sguainate, corni che gridano…

“WE WANT WAR!”

Vi ho sentito fratelli, e risponderò, non temete.
Ma prima di entrare nel vostro regno, un regalo, per questa gente… si sono dimenticati dell’ importanza della vita, la danno per scontata, ci si sono abituati… una frase importante seguita da un gesto drammatico, per scuotere le coscienze, un’ultima volta.

“We should never get use to it… the life… we should never get use to it…”

Infine tre passi, la balaustra malandata, il balzo, e il vuoto mortale della strada sottostante.

Comments are closed.