monthlymusic.it

Califone – All My Friends Are Funeral Singers

Data di Uscita: 06/10/2009

Giving Away The Bride
di Lorenzo Righetto

Tieni su la testa. Non sopporto chi dorme mentre guido. E’ un cazzo di viaggio di nozze. Hai bevuto… Così tanto che ho dovuto trascinarti in macchina, e buttarti sul sedile come un sacco di merda. Senti un po’: passami la cartina, mi sono perso. Niente da fare, eh…?!? Dormi pure, ok, è il nostro fottuto viaggio di nozze. Cosa c’è di meglio se non guidare a caso per le campagne dell’Illinois, per rilassarsi. Che tempaccio, piove da mesi. Neanche un posto per fermarsi a pisciare senza bagnarsi fino al midollo. E quindi ti sei vomitata addosso, sul bel vestitino bianco che ti ha comprato tua madre… Forse dovrei ricomporti, sembra che ti abbia rapito o che so io. Sei fredda come quella volta che finisti nel fiume su in Quebec, ma perché devi metterti a bere in quel modo, anche nel giorno del nostro cazzo di matrimonio… Ecco, mettiti la mia giacca. Dio Santo! Mi ammazzerai, un giorno o l’altro. Non ci vedo neanche tanto bene, adesso che ci penso, devo essere stanco. Meglio accostare qui, non si vede un cazzo, guarda che pioggia…
Devo aver dormito molto poco, sei ancora lì che ronfi. Non ho mai capito come fai a restare addormentata per giorni interi, io dormo poche ore e mi sento fresco come una rosa… Si riparte, allora, dobbiamo ancora vedere un abitante di questo Paese del cazzo. Meglio così, meglio così, non credere che mi importi, sai. Io e te e basta, l’ho sempre detto. Non mi serve altro, davvero. Solo un bagno, in questo momento, farebbe comodo… Lo sai che scherzo, amore. Possibile che non si capisca neanche se è giorno e notte, in questo fottuto merdaio? Piove e piove e piove da quando ho memoria, checcazzo… Ok, calma, calma, va bene, tutto bene, chi dice il contrario. Credo di avere le idee più chiare su quale direzione seguire, qui devo esserci passato, quella volta con Tim… Fottuto pazzo, lui, te l’ho mai detto? Naaaa… Ce ne sarebbero da raccontare. Ne abbiamo di tempo, vecchia mia, dormi finchè puoi.
Mi fermo un attimo, scusa eh, la vescica sta per rompere gli argini… Resta lì, spero di non bagnarmi troppo, ti dà fastidio la puzza, poi. Che fottuta bettola, woof! Questi non ricevono un cliente da qualche mese, te lo dico io. Senti vecchio, ce l’avete il cesso almeno, qui? Ta-ta-tatà ta-ta-tatà… E’ solo pisciando che mi esce la vena musicale, a me. E si riparte, ancora ‘ste secchiate, merda! Eccomi di ritorno, cara, il tuo maritino dopo una giornata di duro lavoro… Dio, come sei fredda, ancora. Forse è il caso che ti svegli, non vorrei che ti fossi presa un accidenti. Dai su non voglio prenderti a sberle, vecchia mia, collabora un po’…
Eri morta da un bel pezzo. Ma questo viaggetto lo finiremo, cazzo se lo finiremo!

Comments are closed.